Un like veramente strano partito dall’account ufficiale di Papa Francesco

Wolfbreak 23 Novembre, 2020

I social si sa che creano facilmente dei casini, ma questa volta l’hanno fatta grossa e di sicuro questo like non poteva passare inosservato. Non lo è passato al punto che ora, si è aperta addirittura  una sorta di indagine vera e propria. Il caso, piuttosto clamoroso e ancor più curioso, è quello di un like veramente strano partito dall’account ufficiale di Papa Francesco e indirizzato ad una foto di Natalia Garibotto, super-modella brasiliana. Un like  che va da sé, risulta un po’ strano e  di cui il  Pontefice  ovviamente non sa nulla. La foto  risale allo scorso 6 ottobre e non era per nulla ‘casta’ considerando che  la modella  si mostrava in tre quarti, con una minigonna che non nascondeva sostanzialmente nulla. Un look da sexy-alunna in lingerie. Foto molto spinta, insomma, totalmente inadeguata ad un like del Vaticano chiaramente. Come detto, dall’account Instagram ufficiale di Bergoglio, “franciscus”, è partito il cuoricino, il like di apprezzamento. E subito si è aperto comprensibilmente un caso.Come è possibile? Escludendo di default  il fatto che Papa Francesco giocherelli direttamente con uno smartphone e possa mettere o anche solo sfuggirgli  un like ad una  foto del genere di una modella,  le possibilità si riducono a due. La più ovvia forse è quella di un hackeraggio.  La seconda invece, sarebbe un po’ più grave. Ovvero un disastroso errore di chiunque svolga il ruolo di social media manager per il Pontefice. Come  dicevamo , giunge notizia che  il Vaticano avrebbe aperto un’indagine su quanto accaduto. E ancora, avrebbe chiesto spiegazioni ufficiali a Instagram per il sospetto hackeraggio. L’imbarazzo è diffuso e generale, ma soprattutto apre a quesiti su più fronti. La sicurezza degli account anche più importanti e riservati di instagram e  nel secondo caso, la selezione discutibile di chi dovrebbe rivestire un ruolo chiave accanto al Pontefice. Aspettiamo che qualcuno spieghi come è andata.

COMMENTI

SEGUICI