Tomaso Trussardi rider di lusso per il suo ristorante

Wolfbreak 8 Maggio, 2020

Michelle  e la spesa in  stile Porsche - Real Paparazzi 5

L’emergenza sanitaria prima, la fase2 appena iniziata in un clima di totale incertezza, ha ridisegnato completamente non solo lo stile di vita, ma anche il modo di pensare il lavoro. Un lavoro che per molti settori è in crisi e per essere salvato va totalmente  trasformato. Per questo addirittura anche Tomaso Trussardi si è rimesso in gioco al punto da rendersi disponibile a fare il fattorino di lusso per consegnare a domicilio i piatti cucinati dal suo ristorante, Trussardi alla Scala. L’imprenditore 37enne, munito di mascherina e guanti va direttamente dai clienti e si è impegnato così in prima persona per sconfiggere la crisi. Un gesto che ci è molto piaciuto e che può essere d’esempio. I ristoranti sono tutti ancora chiusi, al momento è permesso solo fare consegne o recarsi sul posto per prendere cibo da asporto da consumare comunque lontano dal locale, meglio se direttamente a casa. Le consegne a domicilio hanno salvato fino a questo momento o almeno in parte,  la situazione. Tomaso Trussardi, tra l’altro marito di Michelle Hunziker, da imprenditore è perfettamente consapevole di come l’economia stia vacillando pericolosamente e non ha avuto paura di mettersi in gioco. “La situazione per i ristoratori è davvero pesante, ma bisogna rimboccarsi le maniche e non mollare”, ha raccontato  al settimanale Chi. Per questo motivo ha deciso di  essere lui, per primo, a portare  a casa delle persone i piatti gourmet del suo ristorante. Tomaso va con la sua auto, perché crede molto nel progetto in cui si è buttato anima e corpo. Un progetto che si chiama  Trussardi Delivery“Bisogna muoversi ora! Non domani. Il futuro è oggi!”, dichiara  al giornale.

Ha creato tre menù fast e consegna pure le pizze. “Ho lavorato anche il primo maggio: lo faccio da imprenditore perché ognuno di noi deve sfruttare al meglio quello che ci offrono anche se è ‘poco’ a causa di questa terribile pandemia. Se il futuro sarà il delivery e il take away dobbiamo essere pronti. O sarà il collasso. Bisogna pedalare e rialzarsi”.  E  in effetti le alternative a quello che dice Tomaso Trussardi al momento non ci sono. Speriamo che anche la sua iniziativa possa essere da sprone per le tante persone in difficoltà che devono trovare il coraggio di ricominciare. L’importante è iniziare, come diceva Goethe…’ se vuoi una cosa inizia, l’audacia ha in sé genio, potenza e magia…’

COMMENTI

SEGUICI