Melissa Satta furiosa: “hanno insinuato che fossi priva di biancheria intima”

Wolfbreak 31 Marzo, 2017

Melissa Satta, ex velina e moglie del campione centrocampista Kevin-Prince Boateng, è una delle showgirl italiane più seguite sul web. Il mese scorso ha postato su Instagram una lettera dei suoi legali in riferimento ad un episodio che l’ha colpita particolarmente.

Purtroppo in questi giorni è successa una cosa che mi ha colpito molto. Forse per la prima volte ho capito tante donne e ragazze che vengono colpite da bullismo mediatico e violate nella privacy”. Così comincia il post pubblicato da Melissa Satta. L’episodio in questione riguarda la sua partecipazione ad una puntata del programma calcistico “Tiki Taka”.

Prima di essere un personaggio pubblico sono una DONNA, moglie e mamma. Faccio un lavoro certamente non comune e magari non compreso da tutti ma comunque rispettabile e serio. Da 4 anni partecipo ad una trasmissione di calcio che fa parte di una testata giornalistica ma con taglio da talk show per famiglie e per ragazzi di qualsiasi età… e solo perché ho indossato una gonna alcune menti evidentemente non sane hanno insinuato che fossi priva di biancheria intima e così la notizia su internet è diventata sempre più virale con tutta la sua gravità. Cosa ancor più grave è che è stata ripresa da alcune sedicenti testate giornalistiche come se fosse vera.”

Colpita nell’intimo da questa faccenda, Melissa Satta continua, spostando l’attenzione sulla società di oggi.

Ora capisco come si arriva a tragedie come la violenza sulle donne perché ormai tutto è permesso, tutto va bene… ma non dovrebbe essere così. Le donne, le ragazze, le bambine vanno protette da questo modo di pensare e soprattutto di esternare siffatti pensieri distorti perché sta prendendo una piega pericolosa e sicuramente sbagliata.

Questa settimana, l’ex velina è stata intervistata da Grazia, alla quale ha spiegato bene questa sua reazione all’aggressività di certe persone sul web: “Io sono social e riservata. E questa non è una contraddizione, questa sono io. Quando nessuno ti tutela, devi farlo da sola. Ci sono ragazze che si mettono sui social senza sapere che si buttano in pasto agli squali. Non capiscono che chiunque può vedere le tue foto e poi scrivere di te qualsiasi cosa. Chi non c’è passato, non sa quanto sia difficile leggere falsità scritte e postate da persone che non ti conoscono, ma che possono esercitare un devastante potere su di te, e farti del male“.

Melissa continua, e conclude: “C’è ancora gente che tratta una ragazza che mette la minigonna come una poco di buono. Io sono una che non si è mai spogliata. Ho scelto di non fare calendari, perché mi è sempre sembrato importante concedermi una forma di rispetto, di pudore. Ma ti pare che mio figlio debba leggere, in futuro, certe sciocchezze su di me?“.

COMMENTI

SEGUICI