Mario Balotelli choc: è accusato di stupro di una minorenne

Wolfbreak 19 Febbraio, 2020

Il repertorio è completo. Registrazioni telefoniche, intercettazioni, fotografie. Sono tanti i documenti agli atti di ben due inchieste che tentano di fare luce sui rapporti tra il calciatore del Brescia Mario Balotelli e una giovane ragazza vicentina che lo accusa di stupro. La prima è della Procura di Brescia che indaga su Balotelli per violenza sessuale. I magistrati vicentini invece, chiedono di processare per estorsione l’avvocato di lei, Roberto Imparato che avrebbe chiesto 100 mila euro al calciatore per non sporgere denuncia ed evitare lo scandalo sui giornali. Un ricatto  che chiaramente l’avvocato avrebbe architettato in accordo con la giovane, oggi anch’essa sotto indagine da parte della Procura dei minori di Venezia. Imparato da parte sua spiega che «Fu una normale richiesta di transazione, come spesso avviene in questi casi per evitare alle vittime di violenza di dover affrontare anche il doloroso peso di un processo. Un legale di Balotelli ci offrì 30 mila euro e noi rifiutammo». Ma veniamo alla ricostruzione dei fatti.  L’11 luglio del 2017, la ragazza sedicenne in vacanza da un’amica a Nizza,  incrocia l’auto di Mario, che all’epoca giocava proprio nella cittadina francese e la sera stessa lo contatta  su Instagram. Lui le risponde e i due si incontrano per la prima volta all’interno di una spiaggia privata. Poi un secondo incontro e un primo bacio. Balotelli il 22 dicembre 2017 presenta un esposto per tentata estorsione. Lui dice di ricordare  di aver chiesto l’età alla ragazza che rispose di essere maggiorenne mostrando anche una carta d’identità. Sempre secondo il racconto di lui, lei insisteva per vederlo e il 26 luglio e per questo la raggiunge alla discoteca High di Nizza. Ed è lì che sarebbe avvenuta la violenza. Lei sostiene che Balotelli  le avrebbe proposto di seguirlo in un luogo appartato spingendola ad avere un rapporto in modo forzato e che avrebbe smesso solo dietro ripetute richieste di lei in questa direzione. Aggiunge anche che il calciatore fosse ubriaco. Sarebbe seguito anche un secondo rapporto, stavolta in spiaggia, prima del rientro insieme in hotel. Lui  ovviamente ha una versione diversa parlando di  un comportamento disinibito della ragazza e di nessuna costrizione da parte sua nei confronti di lei. Versione ribadita anche dal legale del centravanti del Brescia, Enrico Baccaro. Ma la questione chiave verte attorno alla «mediazione» dell’avvocato Imparato. Nell’esposto di Mario infatti si sottolinea come l’avvocato gli abbia  fatto sapere di essere disponibile a un incontro solo se lui si fosse presentavo con i soldi. Da li la decisione del calciatore di denunciare…

COMMENTI

SEGUICI