Leonardo Greco sta meglio e lancia un appello social

Wolfbreak Marzo 17, 2020

Buone notizie per Leonardo Greco, l’ex tronista di “Uomini  e Donne” colpito da Coronavirus nelle scorse settimane. E’ stato finalmente  dimesso dall’ospedale Sacco di Milano ed è tornato a casa da dove lancia  però un accorato appello social . Leonardo, 37 anni, ha superato la fase delicata della malattia e gli è stato consentito  per questo di continuare a curarsi, fino a quando non sarà nuovamente negativo al tampone, nella sua abitazione. Intelligentemente, l’ex tronista che ha provato sulla sua pelle l’incubo del contagio, tiene a raggiungere più persone possibile attraverso i suoi social  per rinnovare l’appello: “Restate a casa!”. Greco si mostra con la mascherina, ancora ovviamente debilitato e racconta: “Restate a casa! Questo virus ti spacca dentro!”.  Lui nonostante la giovane età,  ha avuto la febbre alta per 13 giorni e ha vissuto istanti tremendi, in cui ha  addirittura temuto di non farcela.“Faccio questo video perché non ce la faccio più a vedere tutta quella gente che si ammala, tutta quella gente sdraiata – spiega Greco – Perché ero sdraiato anche io. Voglio cercare di farvi capire che non c’è cura, non c’è vaccino, c’è solo la prevenzione. Questo virus non ti guarda in faccia, ti prende e se ti prende bene, ti spacca dentro”.Lui li ha visti di persona i  tanti che sono ricoverati con il casco respiratorio in testa e non sono quelli che stanno peggio, perché c’è  anche gente che ha avuto bisogno del coma farmacologico. Per questo aggiunge poi- “Per prenderti l’ossigeno nel sangue, ti fanno punture arteriose ai polsi che fanno malissimo”.Leonardo Greco poi conclude rinnovando il suo appello: “Non lo dico per spaventarvi, io vi sto raccontando la realtà. Riflettete, per favore. Riflettete! Io sono tutt’ora chiuso a casa, tutt’ora ho una polmonite. Rimanete a casa per poter uscire un domani!”. Parole dure e dirette per cercare di arrivare a tutti quei giovani, ancora troppi, che si stanno comportando irresponsabilmente, incuranti del rischio a cui sottopongono i familiari più deboli e gli anziani, ma anche loro stessi. Non esiste invincibilità con il Coronaviurs e soprattutto al momento non esiste una vera cura. #stateacasa

COMMENTI

SEGUICI