Le foto inedite di Giulia Salemi all’Aero Gravity di Milano

Wolfbreak 9 Marzo, 2020

Giulia Salemi ha deciso di restare a Milano e di non tornare nella propria città di origine Piacenza, dove vive la sua famiglia, accettando così le regole che sono state imposte dal Governo. Nonostante il plauso alle istituzioni per le misure intraprese per fronteggiare il dilagare dell’infezione da Coronavirus, l’altro ieri durante alcune storie Instagram ha avuto un momento di scoramento. Il segnale inviato dall’Influencer a differenza di tante altre sue colleghe è stato comunque positivo e di profondo rispetto circa le indicazioni fornite dalle autorità in questo periodo. E non pesano le rinunce a cui dovrà sottoporsi perchè il suo pensiero e le sue parole più belle sono state quelle rivolte alla salute. Per questo le facciamo un regalo mostrando le foto inedite “rubate” della sua giornata all’Aero Gravity di Milano.

“Sono qui a Milano da sola, i miei amici sono tornati nelle rispettive città mentre la mia famiglia è a Piacenza. Sono bloccata qua, senza la mia famiglia, il mio papà e la mia mamma. Un conto è decidere di non andare, un altro conto è un divieto imposto dallo Stato […] un mese da sola […] sono onesta, sono molto triste e agitata.”

Il giorno successivo Giulia Salemi si è mostrata in altre storie per spiegare al suo pubblico il motivo di sconforto e raccontare di amici e conoscenti positivi al Coronavirus.

Ciao ragazzi, buongiorno. Lo sfogo che ho avuto ieri sera era dovuto ad un accumulo di fatti e avvenimenti, non certo perchè non posso festeggiare il compleanno, la salute non si tocca. Mi dispiace per la situazione che si è creata in Italia, sono scioccata difronte a tutti gli avvenimenti ed a questo provvedimento drastico ma necessario per bloccare il contagio. Mi ha turbato perchè Piacenza è una zona rossa ed io non potrò andare dalla mia famiglia, come loro non potranno venire da me. Sono stata allontanata forzatamente dalla mia famiglia e sono preoccupata per loro perchè mi sento impotente. Mi attengo solo alle regole imposte dallo stato italiano.”

COMMENTI

SEGUICI