Karina Cascella asfalta Soleil Sorgé che replica con il vuoto cosmico

Wolfbreak 8 Aprile, 2020

Scontro frontale sui social tra Karina Cascella e Soleil  Sorgé. E se è vero che a “iniziare” è stata Karina, ci piace molto il modo diretto con cui l’ha fatto, senza nascondersi dietro a finti toni melliflui e a false ipocrisie. Ma andiamo con ordine. Soleil Sorgé, nei giorni scorsi è stata attaccata per essere ancora a Santo Domingo, dove è rimasta  bloccata, lo ricorderete, a causa dell’emergenza Coronavirus. Ricorderete anche però, come fosse partita ad un passo dal lockdown, affermando che tanto il Coronavirus era solo un’influenza e quindi fosse inutile fermarsi. Dal suo esilio dorato poi, l’amabile viperella, aveva  lanciato strali su Elena Santarelli e Cecilia Capriotti, ree soltanto di aver commentato un articolo del giornalista Alberto Dandolo, che su instagram aveva attaccato Soleil. Karina su quella questione è intervenuta a gamba tesa, come è nel suo stile: “Ma davvero questo microbo (perché di ciò si tratta) si permette ancora di parlare? Ma davvero tale Soleil Sorgé, senza un minimo di cervello, attacca e offende una donna come Elena Santarelli? Oppure Cecilia Capriotti? Mi ha bloccata tempo fa per fortuna, quindi non posso taggarla… Perché? Perché le ho scritto chiaramente cosa penso di lei: è una nullità che non dovrebbe avere la possibilità di esprimersi perché dice solo michia*e’”. Certo, karina c’è andata giù con la scure, ma attenti perchè Soleil, non è da meno. Usa toni da Peace and Love, ma per dire cattiverie assolute e infatti replica così:“Come sapete, credo vivamente che i social debbano essere utilizzati a scopo costruttivo, positivo e odio dare spazio a certe bassezze, però ci sono cose che vanno oltre la volontà e sono sbagliati nel principio. Io vi dico la verità, sono scioccata dal comportamento di certe donne (che hanno carriera ed età superiora alla mia) che si abbassano a certi livelli per darmi addosso o semplicemente che parlano di me, quando io in realtà non ho mai detto o fatto nulla di sbagliato”.Sarebbe meglio si attenessero a vendere tisane e a parlare di me solo quando richiesto da Barbara (D’Urso ndr)”.  Ora continui ad affermare di voler essere costruttiva, positiva e di non odiare nessuno, poi se qualcuno si azzarda alla minima critica, affondi eccome con parole molto dispregiative. Tutti bravi ad essere buoni e concilianti solo con chi ci venera. No? Ma non è finita qui. La versione magra del Buddha che crede di essere prosegue: “Ho cercato di ignorare e bloccare una di queste persone perché eravamo al limite del penoso, questa continua a sfiorare il limite sottilissimo a cui tutti noi dobbiamo fare molta attenzione, quello di ciò che è punibile legalmente”.E qui se non fosse chiaro, siamo addirittura alla minaccia legale…Poi conclude, ma senza il coraggio di fare almeno il nome  di chi attacca“Bisogna smettere di dire la propria opinione su tutto se non si è mai stati chiamati in causa. Quando ci si trova davanti a persone sporche nell’anima, che agiscono nel male, bisogna porgere l’altra guancia e ho intenzione proprio di farlo perché queste sciocchezze hanno occupato anche troppo spazio”. Che voglia la beatificazione? Ci spiace Soleil, ma sei tu l’odiatrice seriale. Una che dice di non aver sbagliato nulla, quando il viaggio a Santo Domingo è stata una clamorosa leggerezza invece e poi pretende di non essere criticata…Hai ancora molto da imparare. La lezione dell’umiltà poi, l’hai saltata chiaramente di netto.

COMMENTI

SEGUICI