Ilary Blasi: il popolo degli odiatori seriali contro di lei

Wolfbreak 27 Luglio, 2020

Puoi essere bello, bravo, simpatico, ma sarai criticato, comunque e sempre. Una categoria che non rischia senza dubbio l’estinzione, ma che anzi tende a moltiplicarsi come i gremlins sotto l’acqua,  è quella degli haters. L’ultima presa  pesantemente di mira nelle ultime ore è la  conduttrice Ilary Blasi. Ad aver scatenato una vera e propria pioggia di critiche e insulti,  sarebbe l’ultimo scatto postato sui social dalla showgirl. Insieme ai tanti complimenti, che fortunatamente come sempre non sono mancati, sono però arrivati  infatti anche alcuni insulti, per lo più incentrati sul ‘ritocchino‘ di troppo. La moglie di Francesco Totti si trova al momento a Sabaudia per trascorrere le vacanze estive. Ilary è molto social e così sul suo profilo Instagram  poche ore fa ha pubblicato una foto scattata proprio nella località laziale. Pare però che il post non abbia convinto il popolo degli oliatori seriali. I commenti sotto allo scatto sono contrastanti e si dividono tra quelli che attaccano la Blasi  e coloro che invece accorrono in sua difesa. L’argomento  scatenante è stato come spesso accade, un ritocchino estetico, al quale secondo alcuni, sarebbe ricorsa Ilary per una volta di troppo.Gli haters non hanno esitato un secondo a fiondarsi sullo scatto della bella Ilary, per vivisezionare ogni singolo tratto del viso e riscontrarne qualche variazione.I ritocchi estetici  sarebbero troppi e le starebbero addirittura,  sfuggendo di mano. Queste le accuse. Ma sarà  vero? La risposta da parte della nota conduttrice non è ancora arrivata e gli occhi sono puntati sulla sua eventuale reazione agli attacchi.In effetti gli insulti sono stati parecchi  e anche pesanti. “Tra un po’ sei irriconoscibile se continui a ritoccarti“, ha scritto una fan. “Eri tanto bella prima”, ha aggiunto qualcuno. “Si sta trasformando anche lei in un mostro“. Qualcuno esagera e arriva addirittura a paragonarla a Marilyn Manson. Molti  fortunatamente l’hanno anche difesa definendo quelle degli haters come ‘cattiverie gratuite’. Resta un malcostume diffuso per cui si pensa di essere liberi di dire qualunque cattiveria ad un personaggio, solo perché pubblico. Ma nessuno è impermeabile all’odio…

COMMENTI

SEGUICI