Elisabetta Canalis con il marito Bryan Perri per George Floyd

Wolfbreak 7 Giugno, 2020

La morte di George Floyd, l’afroamericano ucciso da un agente di polizia la scorsa settimana a Minneapolis, ha avuto l’effetto deflagrante di una bomba in questo momento negli Stati Uniti già colpiti dalla pandemia di Covid 19. Una bomba che però sta risvegliando le coscienze degli americani, che da giorni ormai,  protestano in strada contro il razzismo. Manifestazioni e cortei in tantissime città, dove purtroppo  non sono mancati anche  episodi violenti e criminali che nulla hanno a che fare con la causa sacrosanta della protesta. E in prima linea in questa battaglia non ha stupito trovare anche Elisabetta Canalis. La showgirl, che da anni vive a Los Angeles con il marito, il medico Brian Perri, e la figlia Skyler, sul suo profilo instagram sta condividendo le immagini della protesta – pacifica e non – e martedì è scesa in strada a Beverly Hills insieme alle nipoti per far sentire la sua voce. Tra la folla, con la mascherina, la Canalis si è unita ai cori del corteo, inneggiando alla pace e all’uguaglianza: Poi ha scritto: “Oggi sono stata per qualche minuto ad una manifestazione e ho visto delle bellissime immagini di pace e cooperazione tra i partecipanti . Questo è il messaggio che deve passare, usare il dialogo per ottenere la pace. Coloro che stanno distruggendo, rubando ed usando violenza stanno sabotando il vero significato delle proteste facendo dei manifestanti dei criminali. Oggi le persone regalavano fiori e salutavano la Polizia che non era lì per picchiare nessuno. Spero che queste giornate diventino storia e che chi è al governo non perda questa grande chance per attuare un cambiamento”. Ma guai al primo che si azzardi anche solo a pensare che quello di Elisabetta sia un atteggiamento radical chic, perché la Canalis non è affatto nuova a manifestazioni di solidarietà e soprattutto a grandi slanci solidali. Nell’ottobre dello scarso anno infatti,  quando l’uragano Dorian si è abbattuto sull’isola di Abaco alle Bahamas con effetti disastrosi,  cancellando  nel giro di 3 giorni  un’intera comunità, la Canalis e il marito che sull’isola hanno una casa, accolsero in California una famiglia intera di sfollati. Anche all’epoca Elisabetta aveva scritto su Instagram: «Dopo qualche giorno sono riuscita a parlare con Luce, una ragazza che ha 2 bambini stupendi e che mi disse che aveva perso tutto e che lei ed i bambini erano stati messi in uno shelter, una specie di dormitorio messo in piedi per gli evacuati. Lei dormiva sopra un banco ed i bambini lo stesso. L’acqua (che durante Dorian è salita anche a 14 piedi) le arrivava alle gambe e non sapeva dove li avrebbero mandati». Da li il grande gesto di ospitarli per mesi a casa sua a Los Angeles. Canalis orgoglio italiano!

COMMENTI

SEGUICI