Corona a processo: “Soldi in nero? Li facevo con Belen”. L’avvocato della Rodriguez smentisce

Wolfbreak 8 Aprile, 2017

Corona a processo: “Soldi in nero? Li facevo con Belen". L'avvocato della Rodriguez smentisce - Real Paparazzi

“Io e Belen eravamo una coppia mediatica stratosferica, eravamo come Bonnie e Clyde, tutto quello che toccavamo diventava oro”.

Così dice il fotografo Fabrizio Corona, nel corso del lungo interrogatorio al quale viene sottoposto a Milano, dal pm Alessandra Dolci, parlando anche della ex fidanzata, la soubrette Belen Rodriguez. Ripercorrendo gli anni come fotografo baciato dal successo e dalla fama, Corona scopre anche il suo rapporto con Belen e i motivi della fine del loro rapporto.

Il processo per il quale è chiamato a interrogatorio lo vede come accusato di intestazione fittizia di beni per gli 1,7 milioni di euro trovati nel controsoffitto di casa della sua assistente Francesca Persi e degli 800mila euro in due cassette di sicurezza in Austria. Per Corona, infatti, quei soldi “vengono tutti da serate, campagne e lavoro” e sono stati “incassati tra il 2008 e il 2012: in particolare nel 2009, quando con Belen siamo diventati una coppia mediatica”. “Facevo questa vita molto, troppo sregolata, facevo uso di sostanze di tutti i tipi”.

Della sua vita di personaggio popolare, Corona definisce “3 picchi di notorietà”. Uno di questi sarebbe proprio la sua storia con la showgirl argentina. “Oggi in Italia un artista non vale quanto un personaggio popolare” dice Corona, che, nonostante non provi più amore per Belen, dice di averne ancora un’alta stima. “È una persona molto perbene, per questo avevo deciso in quel periodo di mettermi in regola col fisco”.

Ma a mettere a tacere queste dichiarazioni, arriva l’avvocato di Belen, Marcello D’Onofrio, che risponde per la sua assistita.

“Non c’è alcun collegamento tra i guadagni ‘in nero’, che il signor Corona riferisce di aver conseguito, e la persona della signora Belen Rodriguez”. Le affermazioni di Corona, spiega l’avvocato, “sono state maliziosamente poste in relazione al pittoresco accostamento alla figura di ‘Bonnie e Clyde’, operato dallo stesso signor Corona al fine di offrire un’immagine di tale legame al tempo stesso iconica ed evocativa”. Un riferimento, chiarisce ancora l’avvocato, “ancorché provocatorio ed esagerato, come è del resto nello stile del personaggio, comunque ben lungi dal voler operare un qualsivoglia collegamento tra i guadagni ‘in nero” e Belen Rodriguez.
Photo credit: Google

 

COMMENTI

SEGUICI